17 Luglio 2017 • ISOLA DEL LIRI • Castello Boncompagni Viscogliosi

AVVERTENZA!

Gli ingressi al castello sono da prenotare per limitata disponibilità di posti. Le prenotazioni si possono fare tramite la messaggistica della pagina Facebook: @Liribluesreal e sulla posta elettronica: info@liriblues.it

 

       “ALUMNI JAZZ CONSORT” in “A TRIBUTE TO BESSIE SMITH

                                                                  “Director: Rossana Casale”

                    Support : Jazz Department Conservatorio Licinio Refice di Frosinone

 

Progetto ideato e diretto da Rossana Casale e realizzato con il supporto fondamentale del dipartimento Jazz del conservatorio di Frosinone struttura considerata da anni, e a ragione, tra i più prestigiosi del paese. Insigni docenti ed illustri musicisti si sono succeduti nelle varie cattedre della struttura Ciociara. Il numero degli allievi, dei docenti, delle ore di insegnamento e le iniziative realizzate sono talmente alti da poter esser fieri (cosa rara) di una struttura pubblica che lavora con questi risultati. L’apporto di un’artista come la Casale è un valore aggiunto che parla da se, (una delle voci jazz più belle che si possano ascoltare, una vera Artista a tutto tondo) e un tributo a Bessie Smith si sposano in maniera eccellente con l’occasione del  legame ventennale che tiene uniti il Liri Blues Festival e il gemellaggio tra Isola del Liri e New Orleans. “Alumni Jazz Consort” è un progetto nato quasi per caso con i ragazzi del Conservatorio che accompagnavano le cantanti nelle classi di canto in cui opera appunto la Casale. Da qui nacque la prima esibizione dell’ensemble nell’auditorium sito all’interno del Conservatorio. Fu questa performance ad infondere nei giovani musicisti la voglia e l’entusiasmo di pensar di portare all’esterno il concerto e fu questa determinazione che li portò ad esibirsi a Le Rane (Testaccio Roma). Ora li avremo nella splendida location del castello di Isola del Liri (16 elementi) e sarà una gran bella serata con un gran bel concerto dedicato a Bessie Smith e alla nostra “sorella” New Orleans.

ore 21:30

 



ACOUSTIC “STRAWBS” LIVE

Il concerto degli STRAWBS non ha avuto luogo in quanto il leader del gruppo DAVE COUSIN è stato ricoverato il giorno 15  presso il nosocomio di Bobbio (PC).

Sono stati sostituiti da ORCHESTRA BOTTONI che ha tenuto uno splendido concerto riscuotendo larghi consensi dal pubblico presente.

La serata ha comunque registrato il SOLD OUT.

Gli Strawbs sono un gruppo rock inglese fondato nel 1964. Originariamente noti come Strawberry Hill Boys, iniziarono come band bluegrass, per poi passare ad altri generi musicali come folk rock, glam rock, rock progressivo e hard rock. Il leader del gruppo è il cantante e chitarrista Dave Cousins, autore della maggior parte delle canzoni.

Oltre a Cousins, negli Strawbs suonarono musicisti come Tony Hooper, Ron Chesterman, Rick Wakeman (in seguito tastierista degli Yes), Blue Weaver (che suonò anche con gli Amen Corner, i Mott the Hoople e i Bee Gees), Richard Hudson(detto “Hud”) e John Ford (che in seguito scrissero alcune canzoni di successo insieme come Hudson-Ford), Dave Lambert, Brian Willoughby, Chas Cronk e John Hawken (che suonò anche nei Nashville Teens, Renaissance, Spooky Tooth, e nei Vinegar Joe). Gli Strawbs suonarono spesso anche con Sandy Denny (cantante di Fairport Convention e Fotheringay).L’apice del successo degli Strawbs fu nel 1973, con la formazione Cousins, Lambert, Hudson, Ford e Weaver.Verso la fine degli anni settanta, mentre l’ascesa del movimento punk causava la caduta di popolarità di tutti i grandi del rock progressivo, Hudson e Ford si unirono a Terry Cassidy e al batterista Clive Pearce formando il gruppo “pseudo-punk” Monks, che pubblicarono nel 1979 l’album Bad Habits. Da quell’album fu tratto il singolo Nice Legs, Shame About the Face, che ebbe un buon successo commerciale raggiungendo la posizione 19 nelle classifiche di vendita. Nel 1980 pubblicarono un altro album (di musica stile anni trenta) col nome High Society, e poi tornarono a pubblicare come Monk con l’album Suspended Animation (pubblicato solo in Canada), in cui comparivano anche Brian Willoughby alla chitarra e Chris Parren alle tastiere. L’album ebbe un enorme successo in Canada, diventando disco di platino. 

line up:

Dave Cousin – Ron Chesterman – Tony Hooper

3 chitarre e 3 voci

ore 23:00



Le donazioni ottenute nella serata saranno devolute all’Associazione Ce.R.S. per il progetto “Adotta un Angelo” in conclusione di serata.

 

5 commenti su “17 Luglio 2017 • ISOLA DEL LIRI • Castello Boncompagni Viscogliosi

  1. Ciao ragazzi complimenti x il programma e x come siete riusciti a fronteggiare l’idiozia dei politici della vostra città.
    Faccio i complimenti al Comune di Veroli x la sensibilità mostrata e per aver dimostrato che esistono anche politici accorti intelligenti e lungimiranti e che quindi viva Dio non sono tutti come quelli di Isola del Liri.
    Da quanto vedo non mi pare che ci sia un biglietto di ingresso e anche questo vi rende onore visti i tempi.
    Io risiedo vicino Firenze ma sarò presente nelle due serate di Veroli certamente e sto vedendo di farmi sostituire per il 17, vorrei non perdere i grandissimi Strawbs. Li ho visti a Sheffield in Inghilterra tanti anni fa e rivederli ora sarebbe fantastico.
    Grazie ragazzi di queste opportunità che da 30 anni ci offrite, l’Italia avrebbe bisogno di molte gente come voi ma nei posti di comando.
    Ci vediamo il 15.
    Ciaooo!!!!

    1. Grazie Franco troppo buono….addirittura nei posti di comando.
      Non siamo ne marziani ne più bravi degli altri bensì cerchiamo solo di usare l’intelletto del quale madre natura ci ha dotati mettendolo a disposizione della musica e dello sviluppo del nostro territorio anche quando qualcuno maldestramente ed inutilmente tenta di tagliarci le ali.

  2. Grazie per la bella ed emozionate serata, mi mancava il Liri Blues, erano un po di anni che non venivo, il concerto molto bello, la cornice fantastica e poi mi avete fatto rincontrare il grandissimo Mario Insenga.

    Grazie ancora Angelo Vecchioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *